Aggiungi al carrello
prezzo: € 1,99

Il vocabolario delle parole che non esistevano (finora)

saggio


Anteprima
Data uscita
Giugno 2018
Protezione DRM
Watermark
Formati disponibili
EPUB per iPad, iPhone, Android, Kobo o altri ebook reader, Mac o PC con Adobe Digital Editions
MOBI per Kindle, Kindle Fire
(potrai scegliere quale formato scaricare direttamente dalla tua pagina di download)
Pagine
56 (stima)
Venduto da
Delos Digital srl
Autore
Alfio Rotunno
Collana
I coriandoli n. 29
Delos Digital 2018 - ISBN: 9788825406283
Genere
ArteArtisti IndividualiSaggi
Arti e Discipline LinguisticheVocabolario
Arti RappresentativeNarrativa
Narrativa

Un pregiato vocabolario contenente parole che non esistevano... e di cui nessuno sentiva la mancanza...

Che l’umanità sia pronta o meno, ecco arrivare il cav. Alfio Rotunno con la sua opera più discussa e invidiata negli ambienti accademico-linguistici di mezzo mondo: Il vocabolario delle parole che non esistevano (finora), una delirante raccolta di lemmi paradossali, assurdi, insensati e inesorabilmente inutili, per ridere di noi e del mondo di concetti e parole in cui – spesso nostro malgrado – ci troviamo invischiati. Parole che non esistevano, certo, e di cui nessuno sentiva la mancanza… Finora!


Della vita privata del Cav. Alfio Rotunno si sa ben poco. Da sempre schivo e geloso della propria privacy, il Rotunno ha saputo imporsi sulla scena culturale europea grazie all’acutezza di pensiero e all’indefinibile natura delle sue opere. Difficile offrirne una definizione esaustiva: chi lo considera un genio, chi un ciarlatano, chi uno spirito troppo elevato per essere compreso dai pensatori del nostro tempo. Nelle cronache lo si incontra nelle vesti di scienziato, di novelliere, di inventore, di prestigiatore, addirittura di impagliatore di sedie, immaginifico e forbito oltre il lecito, fine conoscitore dell’esperanto arcaico e del patrimonio folkloristico orale in braille, all’insegna di una multimedialità antropologica senza precedenti. Tra i suoi lavori più ambizioni e misconosciuti ricordiamo Mondo Rotunno, ovvero: Il Manuale dei Manuali e la raccolta Racconti che avrebbe voluto scrivere De Amicis (ma poi ha pensato che era meglio di no).