Aggiungi al carrello
prezzo: € 2,99

Una burla riuscita

romanzo breve


Anteprima
Data uscita
Aprile 2021
Protezione DRM
Watermark
Formati disponibili
EPUB per iPad, iPhone, Android, Kobo o altri ebook reader, Mac o PC con Adobe Digital Editions
MOBI per Kindle, Kindle Fire
(potrai scegliere quale formato scaricare direttamente dalla tua pagina di download)
Pagine
85 (stima)
Venduto da
Delos Digital srl
Autore
Italo Svevo
Collana
Immortali n. 1
Delos Digital 2021 - ISBN: 9788825415650
Genere
Arti RappresentativeNarrativa
Narrativa
NarrativaBrevi Racconti

Un borghesuccio dalla vita insipida, condita solo di iperbolici sogni di gloria letteraria, cade vittima di un perfido inganno che, nel bene e nel male, darà una svolta al suo destino. A raccontare la vicenda lo Svevo più lucido e ardito di sempre, pronto ad alzare il tappeto e a rimestare senza imbarazzi nello sporco celato sotto.

Nessuno si salva nella vicenda narrata in questa breve e fulminante opera: chi fosse a caccia di exempla edificanti resterebbe deluso, perché ogni dettaglio, anche il più insignificante, è in qualche modo sporcato, contaminato, lacerato dal vizio. I pochi personaggi, e più di tutti il protagonista Mario Samigli, inetto col pedigree, sono scandagliati da uno Svevo maturo (il testo è del 1926), sempre più convinto che le nevrosi siano l’unico antidoto contro l’alienante conformismo borghese. Per rappresentare un mondo in cui disturbi mentali e pecche caratteriali danzano tra loro una quadriglia sincopata, viene scelto un plot semplice nella sua efficacia: il borioso mitomane viene beffato dall’invidioso patologico e tutti perderanno qualcosa (o quasi). Sullo sfondo una Trieste di primo Novecento inquietante e funestata dalla bora che prende a schiaffi ogni cosa e sembra sottrarre a tutti qualsiasi conforto e sicurezza.

Introduzione di Milena Contini.


Italo Svevo, pseudonimo di Aron Hector Schmitz (Trieste, 1861 – Motta di Livenza, 1928), nato in una benestante e numerosa famiglia triestina di origini ebraiche, non fu mai uno scrittore a tempo pieno, anzi visse sempre con un certo conflitto interiore la propria vocazione letteraria, non riuscendo a scrollarsi di dosso il pregiudizio che l’uomo d’affari ha nei confronti dell’attività artistica. Nonostante questo intimo dissidio, scrisse opere fondamentali nel panorama della letteratura italiana (e non solo) della belle époque e, soprattutto, del primo dopoguerra, rappresentando magistralmente la figura dell’“inetto” nello scenario della società di massa. Dei suoi tre romanzi – Una vita (1892), Senilità (1898) e La coscienza di Zeno (1923) – l’ultimo è quello più noto, anche grazie alle raffinate e non scontate strizzate d’occhio verso le teorie freudiane dilaganti in quegli anni. Oltre a queste opere, scrisse numerosi articoli letterari, racconti e opere teatrali, che necessiterebbero di una maggiore attenzione di critica e pubblico.