Aggiungi al carrello
prezzo: € 1,99

Zero

racconto lungo


Anteprima
Data uscita
Aprile 2019
Protezione DRM
Watermark
Formati disponibili
EPUB per iPad, iPhone, Android, Kobo o altri ebook reader, Mac o PC con Adobe Digital Editions
MOBI per Kindle, Kindle Fire
(potrai scegliere quale formato scaricare direttamente dalla tua pagina di download)
Pagine
44 (stima)
Venduto da
Delos Digital srl
Autore
Silvia Treves
Collana
Futuro Presente n. 23
Delos Digital 2019 - ISBN: 9788825408676
Genere
NarrativaFantascienza
NarrativaFantascienzaBrevi Racconti
NarrativaPolitico

La ferrovia che collegava quei due mondi maledetti aveva una terza fermata. Avrebbe avuto il coraggio di scendere lì?

Uno: un mondo in guerra. Due: un mondo di ineguaglianze e discriminazioni. Tra loro, una ferrovia che collega le due dimensioni.

Delia, originaria di Uno e pendolo tra i due mondi, percorre quella tratta ogni settimana, per tornare a Due da suo marito Yusun e dal piccolo Mosi, che la aspettano fedelmente tra mille difficoltà. Ma un giorno, Delia si accorge di una terza fermata, ben nascosta tra le pieghe delle due dimensioni. Che fare, a quel punto? Come continuare a vivere facendo finta di niente?

Silvia Treves firma un racconto visionario e toccante, che scivola tra i generi con la delicatezza e la potenza di un sogno a occhi aperti: ma ci parla di noi, e delle barriere che abbiamo bisogno di infrangere e scavalcare.


Silvia Treves è laureata in scienze biologiche e specializzata in chimica biologica. È stata a lungo docente di matematica e scienze  e vive a Torino. Co-curatrice del progetto ALIA.Evo e della rivista di recensioni librarie Librinuovi.net, ha scritto racconti e romanzi brevi, soprattutto di fantascienza, tra i quali Isola di Passaggio,  (CS_libri, 2016). Nel 2000, con Cielo clemente  ha vinto il  premio “Omelas, la fantascienza per i diritti umani”. Legge e ascolta musica in compagnia di una gatta e  fa lunghe passeggiate in montagna insieme a una cagnetta.

Nel suo cassetto c’è  il solito romanzo mai finito e molto disordine.