Aggiungi al carrello
prezzo: € 2,99

Colpo grosso alla Serpentara

romanzo breve


Anteprima
Data uscita
Maggio 2018
Protezione DRM
Watermark
Formati disponibili
EPUB per iPad, iPhone, Android, Kobo o altri ebook reader, Mac o PC con Adobe Digital Editions
MOBI per Kindle, Kindle Fire
(potrai scegliere quale formato scaricare direttamente dalla tua pagina di download)
Pagine
64 (stima)
Venduto da
Delos Digital srl
Autore
Luigi Calcerano e Giuseppe Fiori
Collana
Guardie e Ladri n. 3
Delos Digital 2018 - ISBN: 9788825405910
Genere
NarrativaUmoristico

I cinque ladri che, travestiti da guardie, hanno dato l’avvio ad un commissariato fasullo per irretire e sviare il potente direttore della banca da derubare, sono arrivati all’epilogo della loro movimentata avventura...

I cinque ladri che, travestiti da guardie, hanno dato l’avvio ad un commissariato fasullo per irretire e sviare il potente direttore della banca da derubare, sono arrivati all’epilogo della loro movimentata avventura, anche se una coppia di spregiudicati forestali-carabinieri ha intuito il loro gioco e cerca di approfittarne. Gli ostacoli e gli imprevisti si addensano proprio quando il traguardo sembra più a portata di mano in una forsennata caccia al tesoro che può essere vinta dai personaggi di Serpentara P S soltanto alternando, con perfetto tempismo, il ruolo di guardie a quello di ladri. E non solo per il piacere del gioco!


Luigi Calcerano e Giuseppe Fiori, scrittori in proprio, da tempo firmano insieme saggistica e narrativa poliziesca, svolgendo un’ideale detection sui tanti generi che il giallo ha prodotto nel suo secolo e mezzo di vita. I loro ultimi lavori sono: Ladri e guardie (Editori Riuniti, 2007), Un delitto elementare (Sovera 2008), Teoria e pratica del giallo (Edizioni Conoscenza, 2009) e l’ebook Clandestini (ilpepeverde.it, 2014).

Luigi Calcerano scrive anche di fantascienza, con Loredana Marano ha pubblicato Lultima Eneide (Bonaccorso, 2014).

Giuseppe Fiori, nel suo ultimo lavoro La conversazione sparita (Manni, 2013), tesse un sottile elogio della conversazione nel secondo dopoguerra.