Aggiungi al carrello
prezzo: € 2,99

Family Reunion

romanzo breve


Anteprima
Data uscita
Marzo 2014
Protezione DRM
Watermark
Formati disponibili
EPUB per iPad, iPhone, Android, Kobo o altri ebook reader, Mac o PC con Adobe Digital Editions
MOBI per Kindle, Kindle Fire
(potrai scegliere quale formato scaricare direttamente dalla tua pagina di download)
Pagine
55 (stima)
Venduto da
Delos Digital srl
Autore
Lia Tomasich
Collana
The Tube Exposed n. 10
Delos Digital 2014 - ISBN: 9788867752263
Genere
NarrativaBrevi Racconti
NarrativaFantascienzaAvventura
NarrativaFantascienzaBrevi Racconti
NarrativaHorror

Una madre lotta contro tutto e tutti pur di raggiungere le sue bambine, imprigionate nella scuola invasa dai non morti. Una corsa contro il tempo, che lascia aperto un interrogativo: ce la farà Leila a salvare le sue figlie?

 

Un nuovo episodio della serie “The Tube Exposed”, spin-off della saga “The Tube” curata da Franco Forte, selezionato nel contest letterario sul forum della Writers Magazine Italia fra decine di autori che stanno partecipando.

All’indomani dell’apocalisse, due bambine restano imprigionate nella loro scuola, all’interno della città contagiata dal morbo. Mentre Leila, la madre, affronta qualsiasi pericolo pur di raggiungerle, Celeste e Leda si ingegnano per sopravvivere in una realtà deformata. Leila scoprirà ben presto che entrare nella scuola è come scendere all’inferno. Un’inquietante corsa contro il tempo, che lascia aperto un interrogativo: ce la farà Leila a salvare le sue figlie?


Traduttrice di professione, Lia Tomasich ha iniziato a scrivere racconti nel 2011. Per Delos Books ha pubblicato racconti sui numeri 32 e 34 della rivista Writers Magazine Italia, sui numeri 68 e 70 della rivista di fantascienza Robot, sulle antologie 365 Storie d’amore e 365 Racconti di Natale. Altri racconti sono stati pubblicati sull’antologia di SF NASF 7 e su Altrisogni 6, rivista digitale di narrativa fantastica edita da DBooks.it. Nel 2013, è stata finalista a due premi per la narrativa Horror, Premio John W. Polidori e Premio F. M. Crawford, e segnalata al Premio Algernon Blackwood. Prima classificata al 31° Premio WMI, il racconto appare sul numero 38 della rivista.