Aggiungi al carrello
prezzo: € 5,99

Marziani, andate a casa!



Anteprima
Data uscita
Ottobre 2012
Protezione DRM
Watermark
Formati disponibili
EPUB per iPad, iPhone, Android, Kobo o altri ebook reader, Mac o PC con Adobe Digital Editions
MOBI per Kindle, Kindle Fire
(potrai scegliere quale formato scaricare direttamente dalla tua pagina di download)
Venduto da
Delos Digital srl
Autore
Fredric Brown
Titolo originale
Martians, go home
Collana
Mosaix n. 48
Delos Books 2012 - ISBN: 9788865303467

«Una delle opere di fantascienza più divertenti mai scritte» Richard A. Lupoff

Il cinema e la televisione negli ultimi anni ci hanno sommerso di invasioni aliene. Ma se invece di scendere sulla Terra per sterminarci, schiavizzarci, mangiarci, rubarci l’acqua o il cervello, i “marziani” venissero solo per divertirsi?
Per osservarci, spiarci, studiarci, scoprire tutti i nostri segreti anche più intimi? Se ce li ritrovassimo continuamente per strada, in ufficio, a casa, in bagno, persino nel nostro letto?
Se fossero impiccioni, beffardi, dispettosi, pettegoli, con l’antipatica abitudine di godere a rivelare a tutti i nostri affari privati, e naturalmente del tutto invulnerabili?
Allora forse non passerebbe molto tempo prima di rimpiangere le buone vecchie invasioni di una volta…
FREDRIC BROWN è nato a Cincinnati nel 1906 ed è morto a Tucson nel 1972. Apprezzatissimo scrittore di gialli vincitore del Premio Edgar, Brown è noto nella fantascienza soprattutto per i suoi straordinari racconti brevi e brevissimi, come il famoso Sentinella o La risposta, col quale nel 1954 anticipava in poche righe il moderno concetto di singolarità tecnologica.
O ancora Arena, incluso tra i migliori 25 racconti di fantascienza di tutti i tempi e dal quale è stato tratto un celebre episodio di Star Trek.
Brown ha anche nel curriculum alcuni dei più divertenti e brillanti romanzi di fantascienza dell’età d’Oro del genere: oltre al presente Martians, Go Home (1955), incluso da varie fonti nei cento migliori romanzi di fantascienza di tutti i tempi e dal quale nel 1990 è stato tratto un (pessimo) film intitolato in Italia Balle spaziali 2: la vendetta, va ricordato anche Assurdo universo (What Mad Universe) del 1949, che sotto l’ironia irresistibile di Brown anticipa temi che saranno al centro dell’opera di Philip K. Dick.