Aggiungi al carrello
prezzo: €12.00€ 4,00 SCONTO 67%

Nel Mondo di Bin Laden . I Quaderni speciali di Limes - Rivista italiana di Geopolitica

Rivista


Data uscita
Settembre 2019
Condizioni
 
near mint legenda
Copie disponibili
solo una copia
Pagine
192
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
Autori vari
Collana
I quaderni di Limes
Gruppo Editoriale L'Espresso 2001
Genere
Saggi

Supplemento al n.4 /2001 - La guerra in Afghanistan - Il Pakistan in bilico - Il grande gioco asiatico ecc. V. Dettaglio. Interessante paragonare le situazione attuali....

In questo numero

LA STRATEGIA OCCIDENTALE E L’ALTERNATIVA ASIATICA

La risposta alleata all’aggressione terroristica non tiene sufficientemente conto della geopolitica del subcontinente indiano e dell’Asia centrale. Le critiche e le controproposte di un esperto indiano. Il Pakistan sull’orlo del baratro.

di Sergio TRIPPODO

‘PERCHÉ COMBATTIAMO L’AMERICA’: IL SERMONE DI AYMAN AL-ZAWAHIRI

Il vero ideologo del gruppo islamico che ha sfidato l’America è l’egiziano Ayman al-Zawahiri. Analizziamo il suo appello, lanciato dagli schermi della tv al-Jazira insieme a Osama bin Laden. Gli statunitensi sono i nuovi coreisciti.

di Antonella Caruso

GEOPOLITICA E STRATEGIA DELLA GUERRA CONTRO IL TERRORISMO

Lo scopo primario della risposta americana all’aggressione terroristica è la liquidazione di bin Laden. Ma la strategia di Bush tiene conto di condizionamenti geopolitici. E nel corso del conflitto gli obiettivi possono cambiare. La chiave è il Pakistan.

di Carlo Jean

BIN LADEN, I TALIBAN E GLI AMERICANI: STORIA DI UN TRIANGOLO

Come gli studenti islamici afghani e lo sceicco del terrore, già combattenti contro l’Impero del Male (sovietico), sono diventati i nemici mortali degli Stati Uniti. La vicenda degli afghani-arabi. Quando Washington chiamava il mullah Omar.

di Ahmed RASHID

LA POSTA IN GIOCO È IL CONTROLLO DELLO HEARTLAND

La lotta per il dominio sull’Afghanistan, crocevia strategico nel cuore del continente asiatico. Il ruolo pakistano. La questione degli oleodotti. L’impronta tribale delle guerriglie. Se gli Usa si installano in Asia centrale.

di Massimo ARMELLINI

L’AFGHANISTAN È LA SUA GEOGRAFIA

La chiave di volta dell’Eurasia è un paese poverissimo e meraviglioso. Le montagne dell’Hindukush dividono questo Stato-cuscinetto, collocato nell’area di frontiera fra i maggiori imperi mondiali. Nomadismo e latifondo tribale.

di Eugenio TURRI

LA GUERRA NUCLEARE PUO` SCOPPIARE PER IL KASHMIR

Pakistan e India si contendono dal 1947 un territorio che entrambi considerano essenziale per la propria identità nazionale. Dopo l’11 settembre la questione è diventata esplosiva. Musharraf potrebbe attaccare per non essere sopraffatto dagli islamisti.

di Lauretana SATTA

IL DESTINO AFGHANO PASSA ANCHE PER ROMA

Il pericolo di un vuoto di potere dopo la caduta dei taliban e di una nuova guerra civile. Il tentativo dell’ex re in esilio in Italia di indire la Loya Jirga, per formare un governo di coalizione. La frammentazione interna e la riedizione del Grande Gioco.

di Alfonso Desiderio

QUANDO L’ISLAM PENSA IL MONDO

Le radici geopolitiche del pensiero islamico e la loro influenza sulle correnti più estreme. Il sogno dell’unificazione di tutte le terre musulmane. La visione dei Fratelli musulmani egiziani e quella di Nasser. Il rapporto con gli obiettivi di bin Laden.

di Antonella Caruso

DALLA VIA DELLA SETA ALLE VIE DELLA DROGA

Il controllo della produzione e del commercio di sostanze stupefacenti è una delle poste in gioco del conflitto in corso. L’Afghanistan come epicentro dei traffici di oppio. I percorsi dei commerci illegali. Battaglie e fallimenti dell’Onu.

di Pina CUSANO

LA TENTAZIONE DI SALOMONE: UN MURO PER DIVIDERE ISRAELIANI E PALESTINESI?

Il geografo israeliano Arnon Soffer ha cartografato un progetto di separazione fisica del suo paese dai territori palestinesi. In tal modo lo Stato ebraico difenderebbe la sua identità etnica, minacciata dalle tendenze demografiche, assai favorevoli agli arabi.

di Elena DUSI

LE FRATTURE DEL PAKISTAN

Dopo la nascita del Bangladesh, nel 1971, il Pakistan resta diviso in quattro province, alquanto diverse fra loro. Le tensioni etniche e geopolitiche. Il progetto del Pashtunistan (o Pathanistan) e il movimento filo-taliban.

di Vito SALIERNO

ḤĪZBŪLLĀH TRA MASCHERA E VOLTO

Il ritiro israeliano dal Libano del Sud ha incrinato il mito del Partito di Dio. Dopo l’11 settembre, il movimento è stato incluso dagli americani nella lista nera delle organizzzioni terroristiche. Alcuni segni di dibattito interno.

di Riccardo CRISTIANO

ARABIA SAUDITA: IL RITORNO DEL PRINCIPE ROSSO?

La straordinaria vicenda del principe Talal bin Abdulaziz, che nei primi anni Sessanta tentò di portare un vento riformatore nell’establishment saudita. Oggi Talal torna alla ribalta, e con lui suo figlio al-Walid.

di John ROSSANT

GUERRA SENZA LIMITI

Due colonnelli superiori dell’Aeronautica cinese avevano pubblicato nel febbraio 1999 un libro che anticipava le caratteristiche rivoluzionarie del conflitto in corso e metteva in guardia gli Usa contro il terrorismo. Ne pubblichiamo una sintesi.

di QIAO LIANG e WANG XIANGSUI

LA POLVERIERA SAUDITA

I fragili equilibri dello Stato che domina la penisola arabica. Bin Laden tenta di destabilizzarlo e di affermarvi il suo islamismo radicale. Le lotte interne alla famiglia reale. Fondamentalismo islamico e fondamentalismo americano.

di Carlo Jean

COME FRONTEGGIARE LA MINACCIA BIO-CHIMICA

Il terrorismo può colpire la popolazione con attacchi bio-chimici devastanti. I casi di carbonchio negli Usa e altrove sono solo un campanello d’allarme, ma la minaccia è molto più vasta. Le possibili strategie di difesa.

di Maurizio BARBESCHI e Maurizio MARTELLINI

ULTIMO TANGO A KHARTOUM

Le ragioni del riavvicinamento fra Stati Uniti e Sudan dopo l’11 settembre. È in crisi l’ambigua ‘teologia della necessità’ teorizzata da Turabi. Le possibili soluzioni sono comunque legate anche al petrolio e alla guerriglia nel Sud.

di Ibrahim AL-NUR

ETICA DEL KAMIKAZE

I terroristi arabi che si sono uccisi nell’attacco all’America sono stati paragonati ai piloti nipponici suicidi. Ma i giapponesi rifiutano il parallelo e la connessa demonizzazione del termine kamikaze. L’eroismo del tokkotai.

di Nello PUORTO

GUERRA E PACE ALL’ITALIANA

FRANCESCO COSSIGA E FAUSTO BERTINOTTI: due opinioni sul conflitto in corso e sulle responsabilità che ne derivano per il nostro paese.

ALGERIA UTILE E ALGERINI INUTILI

Il governo algerino cerca di cavalcare l’emozione del dopo-11 settembre per legittimare la sua politica di ‘eradicamento del terrorismo’. I tentativi di avvicinamento all’America per sottrarsi alla tutela francese. I fermenti sociali e la crisi in Cabilia.

di Driss DALI

Voci dall’Algeria

A cura di Anna LA ROSA

IL RITORNO DELLA RUSSIA

Mosca è stata improvvisamente riportata al centro dello scacchiere internazionale dagli attacchi terroristici contro l’America. Come cambia la partita degli oleodotti e dei gasdotti. L’intesa con gli Usa è reversibile. La partita in Asia centrale.

di Fabrizio VIELMINI

I CENTRI DEL CENTRO: I NUOVI SULTANATI NELL’ASIA POSTSOVIETICA

In Asia centrale sono emersi dei regimi clanico-autoritari incapaci di sviluppo e divisi da forti tensioni. I casi del Tagikistan e del Turkmenistan. Le guerre civili dimenticate e la competizione fra russi e americani.

di Michele CHIARUZZI

L’OCCIDENTE ‘SCOPRE’ LE CELLULE TERRORISTE IN BOSNIA

Come una terra relativamente laica è stata oggetto del proselitismo islamico e islamista. I rapporti di Izetbegović con al-Zawahiri, l’ideologo di bin Laden. La doppia faccia di alcune Ong islamiche. Dopo l’11 settembre scattano gli arresti di terroristi arabi.

di Adnan BUTUROVIĆ e Nicolò Carnimeo

L’UZBEKISTAN NEL NUOVO GRANDE GIOCO

Tashkent gioca un ruolo centrale nella guerra contro il regime afghano e coltiva ambizioni egemoniche nella regione. Il governo di Karimov è sfidato da gruppi islamici in grado di minarne il potere. La geopolitica interna e le vie della droga. di Mukhabbat SULTANOVA

GERMANIA, TERRA ISLAMISTA

Grazie alle sue leggi particolarmente liberali e al suo welfare, la Repubblica Federale è diventata un ricettacolo di gruppi legati al terrorismo d’impronta musulmana. Il caso del ‘califfo di Colonia’.

di Giovanni Maria DEL RE

UNA GRANDE OCCASIONE PER MOSCA

I rapporti fra Russia e Occidente sono in rapida evoluzione. In prospettiva, si può profilare la graduale integrazione di Mosca nel sistema di sicurezza euroatlantico. Ma restano molte incognite circa il futuro dell’Asia centrale e le reali intenzioni americane.

di Nadia Alexandrova ARBATOVA

I DILEMMI DELL’IRAN

Di fronte alla reazione americana le élite dirigenti iraniane sembrano incapaci di elaborare una strategia. Di qui oscillazioni, ambiguità, divergenze. Il ritorno in campo del grande mediatore, l’ex presidente Rafsangiani. di Bijan Z ARMANDILI