prezzo: € 9,00 per i soci: € 8,10

L'ostinato silenzio delle stelle. Racconti fantastici

Antologia personale


Data uscita
Aprile 2015
Copie disponibili
nessuna
Pagine
126
Rilegatura
brossura
Tempi medi di preparazione prima della spedizione
1 giorni
Venduto da
Bazaar del Fantastico
bazaar@delosstore.it
Autore
Massimiliano Malerba
Collana
Memorie dal Futuro n. 3
Wild Boar 2013 - ISBN: 9788895186283
Reparto
Fantastico
Genere
Horror, Narrativa

La terza uscita della collana Memorie dal Futuro è dedicata ai racconti di fantascienza e fantastici di Massimiliano Malerba: un autore che si è ritagliato un proprio spazio fra i tanti partecipanti al Trofeo RiLL dal 2009, quando giunse quarto con “Le stelle d’inverno”, struggente e originale storia di immigrazione aliena. Da allora i suoi successi si sono susseguiti, culminando nel 2011, quando con “Il Funzionario” vinse il XVII Trofeo RiLL.


L’ostinato silenzio delle stelle, questo il titolo del volume, propone nove racconti.


Tre sono già stati pubblicati nelle antologie Mondi Incantati (i già citati “Le stelle d’inverno” e “Il Funzionario”, e poi “Nella notte assetata”), mentre gli altri sei sono inediti seppure, in alcuni casi, avevamo avuto il piacere di leggerli in passate edizioni del Trofeo RiLL, in cui erano giunti in finale, o di SFIDA.


I racconti di Massimiliano Malerba sono basati sui dialoghi e l’introspezione. L’azione c’è, ma è in secondo piano.Su tutto prevale la caratterizzazione dei personaggi, del loro animo e delle loro sensazioni. Personaggi che, spesso, prendono consapevolezza della propria situazione nel corso delle storie, il che fa dell’agnizione un elemento comune a molti racconti.L’ostinato silenzio delle stelle, che è sia il titolo dell’antologia sia di uno dei racconti, è una buona sintesi di un altro tema ricorrente: non c’è Destino, né Fato, l’universo tutto intorno è vuoto, silente. I personaggi si affannano nelle loro vite, e le stelle stanno a guardare. Niente più.Questo non nega spazio all’umanità, perché i protagonisti sono uomini in carne ed ossa, se non addirittura “buoni” o “giusti”, e così i loro gesti. Inoltre, in queste storie è forte la carica emozionale, perché è facile per i lettori ritrovarsi in protagonisti tanto veri, o partecipare dei loro drammi.


L’antologia è comunque molto varia, da un punto di vista di toni e di trame.Ecco quindi una storia surreale e lieve come “L’uomo lunare” (piccolo omaggio alla romanità e al Rione Monti), una satira di certe dinamiche aziendali contemporanee (“Il colloquio di lavoro”) o, ancora, un classico della narrativa fantascientifica: il racconto basato su viaggi o paradossi temporali (“L’ombra”; “Nella notte assetata” e “Corrispondenze”).


Dopo le antologie dedicate ai racconti di Emiliano Angelini, nel 2011, e di Francesco Troccoli, nel 2012, scegliere Massimiliano Malerba come “protagonista” della nostra terza personale è stato naturale.Perché scrive bene, perché ha le idee molto chiare su quel che c’è “dietro” alle sue storie e, infine, perché scrive solo racconti, amando particolarmente questa struttura narrativa e cercando di “affrontarla” con la più ampia varietà di soggetti.


Ecco il dettaglio dei testi nell’antologia:


1.    All’alba (inedito)

2.    Il Funzionario

3.    L’ombra (inedito)

4.    Le stelle d’inverno

5.    L’ostinato silenzio delle stelle (inedito)

6.   L’uomo lunare (inedito)

7.  Il colloquio di lavoro (inedito)

8.    Nella notte assetata

9.    Corrispondenze (inedito)