Aggiungi al carrello
prezzo: €10.00€ 3,50 SCONTO 65%

Napoli Silenzio e Grida

Antologia personale


Data uscita
Ottobre 2020
Condizioni
 
very fine legenda
OTTIME CONDIZIONI ma fioriture in particolare nella QUARTA
Copie disponibili
solo una copia
Pagine
268
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
Carlo Bernari
Collana
I David n. 25
1977
Genere
Narrativa

PRIMA E UNICA EDIZIONE - Brossura - FUORI CATALOGO NELLE LIBRERIE

Una serie interessanti di racconti/avvenimenti articolatissimi, spazianti tra memoria e fantasia, tra il quotidiano e lo storico, tra città e campagna,  relativi a Napoli, in cui solo l'autore, nato a Napoli, poteva attingere a qualche verità là dove troppo spesso falsificazioni più o meno interessate hanno contribuito a creare incomprensioni ed inganni. 

Bernari, Carlo scrittore italiano (Napoli 1909-Roma 1992). Contribuì alla nascita del neorealismo con il romanzo Tre operai (1934), che rispecchia le difficoltà della condizione operaia durante il fascismo. Tra naturalismo ed espressionismo si è svolta la sua successiva produzione: Prologo alle tenebre (1947) e soprattutto Speranzella (1949), quadro della Napoli chiassosa e tragica del secondo dopoguerra. Nei libri successivi (Domani e poi domani, 1957; Un foro nel parabrezza, 1972) la narrativa di Bernari esce dalla dimensione “napoletana”, pur rimanendo fedele alla sua ispirazione di fondo che è l'adesione al mondo degli sconfitti. Il romanzo Tanto la rivoluzione non scoppierà (1976) è l'allegoria di una contestazione politica ridotta a velleitario ribellismo intellettuale. In 26 cose in versi (1977) Bernari ha raccolto le poesie scritte lungo l'arco di un cinquantennio. Sempre del 1977 è l'analisi sociologica Napoli silenzio e grida. Altre opere che si ricordano: Il giorno degli assassini (1980), Il grande letto (1988).