Aggiungi al carrello
prezzo: €20.00€ 10,00 SCONTO 50%

Gli Uomini del Giudizio Universale - Ed. 1940 -

Romanzo


Data uscita
Giugno 2019
Condizioni
 
very fine legenda
piega di lettura sul dorso
Copie disponibili
poche
Pagine
352
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
J.b. Priestley
Collana
Medusa n. 112
Mondadori 1940
Genere
Fantascienza

PRIMA E UNICA EDIZIONE - Brossura C/Sovracop.-

In questa "avventura" Priestley abbandona il suo mondo abituale per trasferirsi in un'atmosfera di romanzo avvenirista e fantastico. Siamo lontani dalla vecchia Inghilterra dei «Buoni compagni» e dagli agguati della "foresta di pietra" londinese al semplice spirito di Rosa Salter in « Essi camminano per la città». La strana vicenda immaginata da Priestley si inizia durante un torneo di tennis sulla Costa Azzurra, in ambiente gaio e mondano che non lascia sospettare gli sviluppi imminenti, anche se l'apparizione di una misteriosa fanciulla faccia lievitare la cronaca realistica dei primi momenti. Entriamo, poi, subito nella cerchia di un dramma che si annuncia irto di incognite. Senonché Priestley non abbandona il tono calmo e tranquillo, le note di fine umorismo, il modo sottile di ragionare e di giudicare che formano le qualità del suo stile. E quando ci trasporta nel deserto californiano - dove si svolge tutta la seconda parte dell'azione - ecco che il suo stile si adegua alla novità delle circostanze, oscilla dall'idillio naturalistico delle magnifiche descrizioni all'eloquenza apocalittica delle visioni estreme, attuata senza scapito di quella semplicità che è la seconda natura di Priestley. L'argomento fine del mondo è stato trattato da parecchi romanzieri: di solito, il loro procedimento consiste nel far passare bruscamente il lettore dall'immaginario al reale prevedendo all'ultimo momento un qualsiasi pretesto per impedire al fatto di verificarsi; Priestley, invece, anche dopo passato l'istante in cui la fine del mondo sarebbe dovuta avvenire, mantiene un'atmosfera precaria e irreale che si immagina soltanto consolidarsi oltre l'epilogo della vicenda; e ciò perché l'evento non viene impedito del tutto, ma solo circostretto entro una sfera che lo rende verosimile e unico.