Aggiungi al carrello
prezzo: €20.00€ 18,00 SCONTO 10%

La Papessa del Diavolo =

Romanzo


Data uscita
Giugno 2019
Condizioni
 
near mint legenda
MINT ma Piccole fioriture nelle prime e ultime pagine bianche -VCZ4
Copie disponibili
solo una copia
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
Silvius Jehan e Pierre De Ruynes
Titolo originale
La Papesse du Diable
Collana
Non regolari
Forum editoriale 1969
Genere
Fantascienza

L'apocalisse fantaerotica del surrealismo.

Il vecchio mondo stramazza, sangue scorre e rovine si accumulano. La desolazione regna dappertutto ed Ella appare cavalcando un grande cavallo bianco....PRIMA ED. - Copertina rigida ill. - Illustrazioni di Giorgio Poppi - RARO

la quarta:

 Nata dall'incontro insospettabile tra un cultore di messe nere e demonismo ed un poeta surrealista che si nasconde dietro il magico pseudonimo di Pierre de Ruynes, questa Apocalisse frenetica risponde al desiderio di morte della marcia cultura occidentale a favore della nuova barbarie: « Vedremo infine i Mongoli, — scrivono nel 1925 in un manifesto Breton e Eluard, Artand e Ernst, Crevel e Aragon, — accamparsi sulle nostre   piazze »     

Il fascino   della Papessa del diavolo non risiede soltanto nella sua ciclica e sconvolgitrice lotta tra forze del Bene e forze del Male, tra Dio e Satana, tra Cristo e Anticristo, tra Occidente ed Oriente, tra Maschio e Femmina, tra Repressione sublimata e Liberazione orgiastica, ma anche nell'immaginazione furiosa e febbrile che accumula invenzione dietro invenzione con la coerenza del delirio, colpisce con la potenza del particolare erotico insinuante e della allusione senza fronzoli, scatena tentazioni e paure latenti con un vigore fantastico (talora fantascientifico)  da gran profezia biblica.

Di un grande momento della storia della cultura e della rivolta contro la cultura, nell'appuntamento degli anni seguiti al diluvio del 14/18 e aperti alla speranze della Rivoluzione che viene dall'Asia, La Papessa del diavolo è un frutto minore e avvelenato, uno dei più curiosi e dei più ingiustamente trascurati e, ciò che più conta, dei meno caduchi