Aggiungi al carrello
prezzo: €14.00€ 5,00 SCONTO 64%

Quando Selene esplose - Cosmo Ponzoni

Romanzo


Data uscita
Novembre 2017
Condizioni
 
very fine legenda
Dorso usurato. Piccolo strappo in IV - VCZ1
Copie disponibili
solo una copia
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
Raymond Z. Gallun
Collana
Cosmo Ponzoni n. 16
Ponzoni 1958
Genere
Fantascienza

PRIMA EDIZIONE - MOLTO RARA - Ristampe nei BiCoscmo e della Libra ( disponibile in ns. catalogo - v. scheda completa )

Raymond Z. Gallun, noto scrittore americano di fantascienza e collaboratore di «Collier’s», fa rivivere, in questo romanzo l’eterno sogno di Faust: la vittoria della vita sulla morte. L’ umanità futura descritta da Gallun, sembra aver trovato l’elisir di lunga vita: è così possibile far rivivere le vittime innocenti e coloro che sono ritenuti indispensabili per l’evoluzione della civiltà. Il romanzo ha inizio con una spaventosa catastrofe nella quale perdono la vita milioni di uomini. La luna, laboratorio scientifico della Terra, esplode. E’ quindi indispensabile ridare la vita agli innumerevoli scienziati e tecnici lunari, senza dei quali l’umanità subirebbe un grave regresso. Il processo di resurrezione immaginato da Gallun si basa, non soltanto sulle conquiste di una elevata tecnica, ma anche sulla memoria e su altre misteriose qualità mentali dei defunti che si debbono far rivivere. Ma nel popolo degli artificiali avvengono i più strani fenomeni psicologici dovuti al conflitto fra i ricordi precedenti e le esperienze della nuova vita; conflitto che da origine a due caste: quella dei «normali» e quella degli «artificiali», che, inevitabilmente finiranno per cozzare una contro l’altra. Agli «artificiali» sembra mancare l’anima immortale, cioè la scintilla divina, ma essi posseggono, per contro, doti fisiche e intellettuali superiori anche a quelle dei loro stessi creatori. I loro figli, poi, formano addirittura una razza umana completamente nuova, di fronte alla quale, i «normali», fuggono con orrore e paura. Il «cast» è composto da uno scienziato che iniziò il processo di risurrezione, dal «leader» del popolo «artificiale» e da due giovani studenti. Questo romanzo fa meditare e mette in guardia contro le conquiste miracolose di una scienza che rasenta il diabolico. Queste conquiste diventano disfatte quando l’uomo pretende di imitare l’opera di Dio.