Aggiungi al carrello
prezzo: €19.50€ 8,00 SCONTO 59%

METERRA - Il Destino in una Biglia - Prima Edizione

Romanzo


Data uscita
Dicembre 2018
Condizioni
 
mint legenda
VI
Copie disponibili
solo una copia
Pagine
562
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
Andrea Cisi
Collana
Omnibus-Mondadori
Mondadori 2011
Genere
Fantasy

Le straordinarie avventure di Mimì, una “fatua” inconsapevole di esserlo. Deve urgentemente tornare a casa, a Meterra.-PRIMA EDIZIONE - RILEG. C/SOVRACOP.- NUOVO -Prezzo di cop..€.19,50

 LA QUARTA (Un bellissimo romanzo fantasy)

In una Genova misteriosa e tentacolare, dove bande di monelli si dividono tra il borseggio nei vicoli e mirabolanti sfide a biglie, Mimi si appresta a difendere il suo titolo di campionessa a Borgo degli Scontri, l'arena segreta tra i tetti della città vecchia in cui si disputano le competizioni ufficiali. Ma una voce sconosciuta e insistente la distrae dalla sfida e l'attira come una calamita fino a un tombino in fondo a un vicolo. Ancora non può saperlo, ma proprio quel tombino cela il varco che, attraverso una scala di nuvole e vento, la porterà su Meterra, il mondo favoloso dal quale la ragazzina non sa di provenire: Mimi infatti è una fatua, figlia di un ladro umano e di una fata diafana che volle farla nascere lontano da Meterra per metterla in salvo... Comincia così lo straordinario viaggio di Mimi, che insième all'inseparabile criceto Caramello attraversa luoghi incantati abitati da stupefacenti creature, dove un tempo — prima che i malefici zerf portassero la discordia — fra tutte le razze regnava l'equilibrio. Saranno i bleiirl, microscopici custodi delle foreste, a svelarle la sua vera identità: la sua natura di fatua è testimoniata dalla rapida trasformazione fisica — gli occhi le si allungano e gli zigomi si alzano, dietro le orecchie le crescono due peduncoli di pelle, recettori capaci di avvertire, ogni rumore o pericolo. Ma solo l'incontro con tre streghe la aiuterà a capire la ragione per cui sua madre l'aveva'allontanata da Meterra: Mimi può diventare l'ultima trelatrice, la sola in grado di parlare tutte le lingue e di riunire nuovamente le antiche razze riportando a Meterra l'armonia perduta. Ma i segugi addestrati nel Formicaio, la scuola del perfido rettore Vox, sono già sulle sue tracce... Una ragazzina inguaribilmente curiosa e spregiudicata, una folla di personaggi fantastici eppure simili a noi come solo nei sogni può accadere, un inseguimento mozzafiato, un viaggio alla ricerca delle origini che è insieme una missione per salvare le proprie genti: Andrea Cisi ci regala un fantasy avventuroso e scoppiettante, un grande romanzo di formazione e di amicizia, la eterna, meravigliosa storia di una bambina che desidera solamente ritornare a casa.

METERRA

Da qualche anno anche in Italia si stanno facendo molti autori italiani nel campo della narrativa fantasy. In questa arena che si sta affollando arriva un “quasi” quarantenne di nome Andrea Cisi, già autore di altri lavori, anche per Mondadori, la casa editrice che ora pubblica la sua ultima fatica: Meterra. Il destino in una biglia (2011).

Un lungo romanzo che ha per protagonista una ragazzina di circa dodici anni di nome Mimì Maresco. Mimì vive a Genova con il padre medico e i nonni. Il nonno Vincenzo è un dottore erborista. La ragazzina non ha mai conosciuto sua madre, morta nel darla alla luce e non sa chi l’ha allevata con tanto amore, poichè lei è una “fatua” cioè figlia di una fata e in un ladro umano ma del mondo di Meterra.
Sin dalle prime coinvolgenti pagine il lettore scopre che vi possono essere delle vie di comunicazione tra il nostro mondo e il mondo di Meterra, infatti in una piovosa notte di molti anni prima dei piccoli esseri uscirono da un tombino e dopo una aspra lotta con alcuni topi di fogna, lasciarono davanti al portone del dottore erborista Vincenzo Maresco il corpo di una donna incinta e malata. Era la madre di Mimì.
Mimì ora ha tredici anni ed è una bella ragazzina, con lei vive un criceto (scopriremo in seguito che è un famiglio). E’ un mezzo maschiaccio a cui piace molto giocare con le biglie. E’ la campionessa del suo carruggio, la conosciamo mentre si dirige verso una piazza nascosta per partecipare al campionato e avrà contro una temibile e scorretta avversaria.
Durante il gioco, una voce insistente le mormora nella mente che”deve tornare” e lei distratta e un poco impaurita, perde la partita e cosa peggiore perde la sua biglia preferita. Se ne appropria la sua odiata avversaria.
Buon sangue non mente e, figlia di un abilissimo ladro, riesce a rubare la biglia, ma inseguita dall’altra ragazza e da suo padre, persona poco raccomandabile, Mimì segue la voce che le parla ed entra nel tombino. un tombino che nasconde la porta di comunicazione con un altro luogo: Meterra.
Da quel momento le avventure di Mimì si sussegueranno a ritmo vertiginoso, dovrà affrontare dei cambiamenti anche nel suo fisico e un mondo che non conosce con nemici pericolosi e inimmaginabili.


Andrea Cisi, Meterra. Il destino in una biglia (2011)Mondadori, collana Omnibus, pagg. 562, euro 19.50