Aggiungi al carrello
prezzo: €20.00€ 13,00 SCONTO 35%

Mumbo Jumbo = Romanzo Vudù

Romanzo


Data uscita
Maggio 2017
Condizioni
 
very fine legenda
NEAR MINT ma dorso scurito - Prn
Copie disponibili
solo una copia
Venduto da
BCLibri
bclibri@delosstore.it
Autore
Ishmael Reed
Collana
Paramita n. 2
Rizzoli 1981
Genere
Horror

PRIMA EDIZIONE ITALIANA - RARISSIMA - Brossura C/Sovracop.-Con Illustrazioni -

Da dieci anni, Barth prima, poi i Vonnegut, Barthelme, Gass hanno creato una narrativa che s'è chiamata "postmodernista". Essi non deformano il linguaggio, accantonano Joyce, ma si servono dell'inglese con sfarzosa erudizione e intima libertà, per creare mondi di pura iridescenza, vicende barocche che sono purissimi, ilari giochi in cui tempo e spazio si arricciolano, si contorcono, si sperdono e ricompongono, dando per scontato (e qui il gioco diventa serio, veda,ntico), che veglia e sogno sono facce della stessa irrealtà, e più se ne mostra la confluenza e la fusione, più si è prossimi alla verità.
A questo punto entra in scena Ishmael Reed, e comincia a tessere allo stesso modo scintillante, coltissimo, gergale i suoi romanzi, che sono lo strumento linguistico e letterario d'elezione della rinascita negra. Non quella politica: il comizio, la rivendicazione, il servizio sociale non c'entrano; con Reed si esprime finalmente la metafisica negra, salvata fortunosamente attraverso secolari orrori, nei rituali vudù o hoodoo d'America. È una cultura metafisica, infinitamente più profonda e arguta dei congegni per pensare (aristotelici o storicisti) dell'Occidente, e per la prima volta con Reed la derisione del bianco (storicista e aristotelico) non è lesinata ma è anzi cantata, rullata, zufolata, e anche enunciata in tono dotto: i loa, gli archetipi concepiti dal vudù, sono infinitamente più ricchi e significativi e coerenti delle macchine concettuali discorsive della civiltà bianca, alle quali Reed oppone le invisibili persone che incarnano gli archetipi e, che possono manifestarsi durante i riti, cavalcando gli officianti che si offrano al loro ritmo, al loro colore, al loro timbro, al loro particolare messaggio. Tutta la civiltà moderna appare, grazie al capovolgimento di prospettiva, una fiera della vanità e della paura, la sua storia un intersecarsi drtrame di incappucciati grotteschi. Non sarà questa la verità della storia, ma è un'allucinazione nata dalla conoscenza di certe verità sulla
 storia reale. Per la prima volta la modernità può riflettersi in occhi diversi, Tuono bianco ha l'occasione di gettare le stampelle su cui si regge
 da secoli, facendo, con Reed, le più singhiozzanti, liberatrici risate di se stesso. „